​Quale è la prospettiva civica?

​Quale è la prospettiva civica?

“Quale è la prospettiva civica?

Quella di un servizio politico e amministrativo in strutture diverse dai partiti. Non ci sarà un “Partito nazionale Civico”.
Qualora ci fosse, il Civismo sarebbe già morto.

Cos’è allora la motivazione che muove il civismo?

Quella di una traslazione della propria responsabilità, da una dimensione di impegno civico solo personale, ad una dimensione plurale, collettiva, radicata in luoghi, territori e tematiche specifiche. Nulla vieterà naturalmente un coordinamento funzionale ed un confronto tra le esperienze.
Ma sempre in prossimità con il territorio.

Non bisogna sostituirsi e sostituire i Partiti. Ma sulla base e con la ricchezza delle nostre esperienze bisogna spronarli al cambiamento, legarli alle esigenze concrete dei nostri territori, delle nostre realtà. Essere interlocutori severi e rigorosi, ma sempre mossi da uno spirito collaborativo e da una lealtà votata al bene comune.
Se il Civismo riesce in questo suo ruolo di stimolo della partecipazione nelle comunità e sul territorio, con competenza e passione civile, allora il nostro Paese può avere nelle esperienze Civiche, come questa vostra di Vicenza, una riserva di ossigeno politico continuo che, con una immagine ecologica potrei definire più che inesauribile, una preziosa fonte rinnovabile di democrazia partecipata.”

Umberto Ambrosoli

Ora a Vicenza per la presentazione della nuova associazione LA CIVICA, nata dalla esperienza elettorale 2013.
Umberto con il Presidente dell’associazione Tommaso Simionato e il Sindaco Achille Variati.