Colpo di scena. La difesa della Regione sui pediatri

Colpo di scena. La difesa della Regione sui pediatri

La Regione cambia posizione sui pediatri e sulle cure ai minori stranieri?

Sembra proprio di sì a leggere la memoria di costituzione della Regione Lombardia nella causa intentata da ANP, NAGA e ASGI per garantire l’accesso al pediatra di base anche ai minori figli di stranieri irregolari. La prima udienza del processo è stata fissata per il 27 settembre.

Nella lunga memoria difensiva depositata dalla Regione, dopo molte disquisizioni di carattere nominalistico, si può leggere (pag. 4 della memoria) che l’accordo sottoscritto (quello della Conferenza Stato-Regioni) prevede l’iscrizione al SSR anche dei cosidetti minori irregolari. Ma dopo questa ammissione si dice anche che Regione Lombardia non ha mai, in nessun atto formale, negato a tali soggetti questa possibilità, ed anche che non è vero che la Regione impedisca o abbia impartito disposizioni finalizzate ad impedire l’iscrizione di tali minori nel SSR.

Si tratta di un vero e proprio colpo di scena. A me non interessa come si chiamino le cure e come si inquadrino nelle varie denominazioni normative.

Non giochiamo con le parole e con dettagli normativi e cavilli burocratici. Se la Regione non ha motivi di opporsi applichi allora l’accordo che ha già firmato.

Ripeto: non mi interessa come le chiamate. L’importante è che siano garantite le cure, e soprattutto la continuità dell’assistenza a tutti i bambini. Tutti aspetti sinora negati. L’obiettivo che ci poniamo è la prevenzione, la continuità terapeutica e il rapporto costante con il medico, come per tutti i bambini.

Umberto Ambrosoli