La Lombardia e gli animali

Il 50% delle famiglie lombarde convive con almeno un animale domestico La tutela della fauna selvatica e quella degli animali domestici sono valori etici sempre più importanti per i cittadini di ogni età e condizione.

Il programma di Ambrosoli trova spazio anche il tema di un equilibrato rapporto uomo – altri animali.

Ecco le misure che il nuovo governo regionale di centrosinistra intende attuare:

1)   Promozione di campagne di sterilizzazione degli animali di affezione, avviare nuovi Uffici Diritti Animali presso gli enti locali.

2)  Limitazione della commercializzazione degli animali esotici

3)  Limitazione della sperimentazione animale (anche a fini didattici)

4)  Forte limitazione dell’attività venatoria attraverso la rigorosa applicazione della  normativa nazionale.

Tutto ciò si può realizzare con la creazione  di un Ufficio Tutela Animali, chiesto da molte associazioni di volontariato ecoanimalista, da Gaia Animali & Ambiente Onlus a Tom & Jerry Onlus da Amici della Terra Lombardia a Diamoci La zampa Onlus. Un Ufficio tecnico, che si interfacci costantemente con  la Direzione Generale Sanità  veterinaria,  ma dotato di autonomia e in stretto collegamento con l’Assessorato competente.

Lo diceva anche Mahatma Gandhi: “il grado di civiltà di un popolo si misura anche da come questo tratta i suoi animali”. In Lombardia vogliamo fare un piccolo/grande passo avanti anche in questa direzione.