La “Piattaforma Ambrosoli” continua

La “Piattaforma Ambrosoli” continua

Oggi, nella Sala Stampa del Consiglio Regionale, si è svolto un incontro sul tema della nostra piattaforma partecipativa “Proposte per la Regione Lombardia“, strumento usato in campagna elettorale per raccogliere proposte da parte di cittadini singolo o organizzati (associazioni, etc.); proposte che hanno contribuito alla costruzione del Programma. La prof.ssa Fiorella De Cindio, del Dipartimento dell’Università Statale di Milano ha fatto un bilancio approfondito dell’esperienza fin qui realizzata della piattaforma partecipativa (Campagna elettorale regionale 2013 ed elezioni Presidenza della Repubblica). “Un’esperienza da studiare – ha affermato la prof.ssa De Cindio – per riprodurla anche in collaborazione con altri soggetti, come per esempio stiamo facendo con la Fondazione AHREF e con l’Università di Trento”.

Mario Sartori (Direttore Fondazione Reti civiche di Milano) ha sottolineato che: “la Piattaforma Ambrosoli 2013 si conferma un interessante strumento deliberativo, una best practice tra quelle realizzate fino ad oggi che hanno dato vita ad un nuovo ripensamento nella partecipazione ai processi di decisione politica e a una ridefinizione della stessa democrazia partecipativa”.

Umberto Ambrosoli ha sottolineato l’importanza della sperimentazione fatta con Liquid Feedback : “E’stato un modo veramente innovativo per raccogliere le proposte di tutti i cittadini al nostro programma. Proposte che continueremo a sollecitare anche per le attività di opposizione che  la nostra delegazione in Consiglio regionale svolgerà pur essendo in posizione di minoranza. La piattaforma comunque apre nuove prospettive a quel movimento di “democrazia partecipativa” che sta scuotendo i vecchi modi di fare politica. Ci piacerebbe continuare ad allargare l’utilizzo della piattaforma trovando le risorse necessarie per estendere a tutta la cittadinanza attiva una partecipazione concreta alle decisioni politiche e legislative del Consiglio regionale. Nei prossimi mesi lavoreremo per verificare la fattibilità di questo progetto. Tra i nostri principali obiettivi c’è infatti l’idea che si possa costruire una Lombardia più aperta e partecipata sfruttando tutte le possibilità che le nuove tecnologie informatiche ci permettono di fare”.

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Clicca sull’immagine per ingrandirla

Clicca sull’immagine per ingrandirla