Lettera alle elettrici e agli elettori

Siamo tanti,

siamo cittadini di una Lombardia che vuole contribuire all’irrimandabile cambiamento, siamo elettrici ed elettori che conoscono e stimano Umberto Ambrosoli.

Riconoscendo in lui quei sentimenti civili e quella tensione all’etica nella vita pubblica che sono oggi premessa per ogni atto di ritorno alla fiducia da parte della società nei confronti delle proprie istituzioni.

Istituzioni che sono state sempre meno “proprie” in questi anni, perché occupate, usate, mercificate, gestite spesso per fini diversi da quelli che la comunità riconosce come valori e interessi generali.

Una crisi che ha investito l’intero Paese e che la Lombardia può e deve sanare imboccando una strada nuova.

Costruendo una riscossa che metta fine a conflitti di parole e inciuci di interessi.

Costruendo un percorso che vede formarsi una classe dirigente all’altezza di problemi che oggi si chiamano crisi di investimenti, occupazione con il segno meno, scarsa qualità ambientale, insufficienti infrastrutture, marginalità della cultura, contesti sanitari a rischio.

Se non ora quando?

Noi mettiamo la nostra firma sulla scommessa che Umberto Ambrosoli chiede alla società lombarda di fare per la sua stessa rigenerazione.

Noi mettiamo il nostro impegno a prendere per buono ciò che è scritto a conclusione del suo programma elettorale: la nostra partecipazione non finirà con il nostro voto.

Le elezioni regionali si svolgeranno con turno unico nei giorni di domenica 24 e lunedì 25 febbraio 2013. Si vota dalle ore 8 alle ore 22 della domenica e dalle ore 7 alle ore 15 del lunedì.

La tua testimonianza è fondamentale e può davvero contribuire al cambiamento della Regione Lombardia.

Se hai tempo e voglia scrivi a tutta la tua mailing list, oppure telefona ai tuoi conoscenti ancora indecisi.

La rigenerazione che tutti noi vogliamo è ora a portata di mano.