Lombardia e Unione Europea: usciamo dal rito e entriamo nel processo globale da protagonisti

Lombardia e Unione Europea: usciamo dal rito e entriamo nel processo globale da protagonisti

Oggi in Consiglio regionale si discute la “Risoluzione in merito alle politiche dell’Unione Europea di maggiore intesse per la Lombardia” (qui il doc).
Il nostro parere è che non abbiamo bisogno tanto di cento progetti, quanto di un’idea forte. Altrimenti si rischia di affidarsi alla sociologia dei bisogni invece che alla legislazione richiesta per il bene dei cittadini lombardi e italiani.
Per cui mi permetto di avanzare una modesta proposta. Se invece di consegnare ogni volta un omnibus con i nostri desiderata ci concentrassimo a suggerire all’Unione Europea un tema, sul quale ci si sforzi a trovare soluzioni condivise, saremmo più forti non solo nell’ottenere ciò che vogliamo, ma anche nel poter avere un chiaro ritorno di quanto abbiamo chiesto, se è stato ascoltato o se è finito lettera morta.
Perché solo così si esce dal rito e si entra nel processo globale da protagonisti.

Qui l’intervento completo di Umberto Ambrosoli: LEGGI