Patto civico fra amministratori e cittadini: l’impegno di Ambrosoli

Patto civico fra amministratori e cittadini: l’impegno di Ambrosoli

“Mi impegno ad amministrare la Lombardia avvalendomi della strutturata esperienza dei sindaci lombardi e condividendo con loro valide soluzioni per rigenerare la Regione”.

Umberto Ambrosoli l’ha dichiarato questa mattina a Monza, all’incontro dei sindaci lombardi che hanno scelto di sostenerlo – fra di loro, Giuliano Pisapia di Milano, Roberto Scannagatti di Monza, di Crema Stefania Bonaldi di Crema, Virginio Brivio di Lecco, Mario Lucini di Como e Monica Chittò di Sesto San Giovanni.

“In questi giorni ho incontrato tantissimi amministratori nel mio tour per la Lombardia,” ha detto Ambrosoli, ” e sento di essere in sintonia con loro non solo per la condivisione di un interesse politico, che pure c’è, ma per la convergenza sulla necessità di ricostruire un dialogo profondo tra Regione e Comuni per valutare insieme, con spirito istituzionale, la natura delle crisi irrisolte e per mettere le basi per un progetto di rilancio fondato su una economia della ripresa, una visione sociale dell’equità, un profilo qualitativo dell’ambiente e delle relazioni umane e di lavoro. Ma soprattutto fondato primariamente sulla legalità e sull’etica pubblica.”

Ambrosoli si è inoltre impegnato a rispettare lo spirito del patto che i sindaci gli hanno sottoposto: “Voglio amministrare con voi una regione che, nella sua autoreferenzialità, continuerebbe ad essere governata contro di voi. La strada che seguiremo sarà quella della coesione territoriale e amministrativa per progettare insieme, in quella macroregione che è già la Lombardia, una nuova cultura competitiva e co-decisionale in Europa e nel mondo.”