Sanità: sui costi standard la battaglia della Lombardia è sacrosanta

Su quanto si sta discutendo in queste ore in Conferenza Stato-Regioni sul Patto della Salute e sul riparto del Fondo sanitario nazionale non si può non trovare la proposta del presidente Maroni più che sensata.

La battaglia sui costi standard è fondamentale per l’intero Paese e non è un gesto di egoismo delle regioni più virtuose. Fa bene Maroni a insistere che ciò avvenga da subito e lo stesso faremmo noi al suo posto. Anticiparne il più possibile i tempi di applicazione è ciò che ci aspettiamo dal Governo.

Non è accettabile, infatti, che alcune riforme slittino perché toccano interessi consistenti, laddove il Paese ha bisogno di rigore in ogni azione che decide di intraprendere. Così si finisce per punire chi è virtuoso a favore di chi non ha i conti in ordine. È un brutto film che vediamo quotidianamente con i nostri Comuni e che non vorremmo si ripetesse mai più. Per cui l’invito che vogliamo caldamente inoltrare al Governo Letta e al ministro Del Rio, che da sindaco conosce perfettamente cosa vuol dire essere penalizzati se virtuosi, è quello di procedere con il rigore che la situazione richiede.