Il Consiglio Regionale deve assolutamente attivarsi per fare luce sui rapporti tra la Stamina Foundation e il Servizio Sanitario Regionale

Il Consiglio Regionale deve assolutamente attivarsi per fare luce sui rapporti tra la Stamina Foundation e il Servizio Sanitario Regionale

“A ottobre, quando maggioranza Lega-PDL aveva votato di appoggiare presso il Governo la richiesta di continuare la sperimentazione presso gli Spedali Civili di Brescia, siamo stati al centro del dibattito in Consiglio.
Motivando la nostra contrarietà, avevo anche contestato il fatto che un’Assemblea politica si arrogasse la competenza di entrare nel merito di scelte eminentemente tecnico-scientifiche. Per questa posizione ero stato duramente attaccato dall’assessore alla Salute.

In questi ultimi giorni, stampa e inchieste televisive, ribadiscono come le ragioni di preoccupazione sul caso Stamina che avevamo portato all’attenzione del Consiglio fossero sacrosante. Ora dopo le dichiarazioni inquietanti di uno dei responsabili di Stamina, pretendiamo subito alcuni chiarimenti da parte dell’Assessorato alla Sanità.
Innanzitutto vogliamo sapere esattamente la genesi dei rapporti tra la Stamina Foundation e gli Spedali Civili di Brescia. Soprattuto in merito al peso avuto in questa scelta dai cosiddetti “raccomandati”.
Secondo: dobbiamo conoscere esattamente i rapporti economici intercorsi tra i pazienti che attendevano cure compassionevoli in una struttura pubblica come Spedali Civili e un soggetto privato com’è la Stamina Foundation, la quale -dice la cronaca- intascava cifre per trattamenti messi in atto in strutture pubbliche.
Chiederemo su questo in Commissione Sanità un’Audizione d’urgenza all’Assessore. Se l’Assessore dovesse dare risposte da noi giudicate incomplete, imprecise oppure elusive, siamo pronti a procedere con altre attività ispettive e con tutti gli strumenti attribuiti dallo Statuto del Consiglio regionale”.

Umberto Ambrosoli